Content on this page requires a newer version of Adobe Flash Player.

Get Adobe Flash player

...
......

SCOPRI
I FILM
CON LA CINEGUSTOLOGIA
________________________

SCOPRI
I PIATTI
CON LA CINEGUSTOLOGIA
________________________

SCOPRI
I VINI
CON LA CINEGUSTOLOGIA
________________________

RACCONTA
LA TUA CINEGUSTOLOGIA

_________________________


I Film

CANNES 2014: Still the water
di Naomi Kawase, con Jun Yoshinaga, Nijiro MurakamiTetta Sugimoto
GIAPPONE 2014

Parlare della morte (naturale) per parlare di vita. Parlare della separazione (innaturale) di una coppia per parlare di morte. E – rispetto a un figlio adolescente che le vive – pensare alla prima come a un’opportunità di crescita, molto di più della seconda che invece genera la paura di non potere amare. Così succede ai due ragazzi protagonisti di questo ricchissimo (ultimo) film della celebre regista giapponese Naomi Kawase: se la ragazza sta vivendo la morte della madre come un semplice momento di trapasso, seppur doloroso, il ragazzo vive il divorzio dei genitori come un mistero doloroso e basta. Un mistero che lo rende impotente rispetto all’amore che la ragazza vorrebbe donargli, togliendogli la voglia del domani.

È un film pieno di dolcezza e di freschezza, “Still the water”, nonostante parli del trauma di tutto ciò che (di bello) nella vita finisce. È per questo che mi fa pensare a un’ottima gorgonzola, la cui decadente muffosità, pur rappresentando un processo di degenerazione, di fatto sa di dolcezza. Una dolcezza che si scioglie in bocca, nonostante la pungenza di fondo ci richiami costantemente l’idea della fine.

Marco Lombardi


Potiche