Content on this page requires a newer version of Adobe Flash Player.

Get Adobe Flash player

...
......

SCOPRI
I FILM
CON LA CINEGUSTOLOGIA
________________________

SCOPRI
I PIATTI
CON LA CINEGUSTOLOGIA
________________________

SCOPRI
I VINI
CON LA CINEGUSTOLOGIA
________________________

RACCONTA
LA TUA CINEGUSTOLOGIA

_________________________


I Film



CANNES 2019: Rocketman

di Dexter Fletcher, con Taron Egerton, Bryce Dallas Howard
USA 2019

Reginald Dwight, meglio noto come Elton Hercules John, sta raccontando la sua vita ai membri di una casa di cura mentre, tutti insieme, stanno facendo terapia di gruppo. Già l’infanzia appare difficile, nonostante il talento: il piccolo pianista prodigio è infatti costretto a destreggiarsi tra un padre assente e anaffettivo, e una madre presente ma profondamente cinica. Solo la nonna è amorevole, incoraggiandolo a diventare un vero musicista. A partire di qui l’intera pellicola-musical ripercorre con ritmo crescente tutti i suoi momenti più iconici, ma anche difficili, viste le sue (molte) dipendenze: dal sesso, dalla droga, dall’alcol, dal cibo, dallo shopping. Centrali per la sua vita privata e per la sua carriera sono gli incontri con l’amico-paroliere, Bernie Taupin, e con l’ex compagno ed ex manager (e traditore) John Reid.

Questa continua dicotomia tra felicità e depressione, amore e tradimenti, successi e senso di inadeguatezza, libertà e dipendenza, mi fa associare la pellicola a una Cotoletta di pollo in stile “grissinopoli”. Il pollo, tenero e delicato, rappresenta il lato più innocente e schivo di John che però – suo malgrado – si deve interfacciare con la una lampante predisposizione al successo. In più il pollo è sempre buono, comunque venga cucinato, proprio come il piccolo Reginald ha le potenzialità per emergere nei più svariati ambiti del rock. A ciò, tuttavia, si contrappone la panatura che, fatta com’è di grissini sbriciolati, è spigolosa e irregolare, quasi “borchiata” come i suoi costumi eccentrici (di scena e di vita): uno scudo protettivo che, nell’età adulta, usa per proteggersi contro il mondo. Ma è la cottura nel burro che fa dialogare il fuori e il dentro, diventando un ponte di collegamento che, pur mantenendo la morbidezza della carne e la croccantezza “appuntita” dei grissini, diventa una specie di bilanciamento, dando più struttura al pollo e ammorbidendo il secco della corazza.

Claudia Quaranta