Content on this page requires a newer version of Adobe Flash Player.

Get Adobe Flash player

...
......

SCOPRI
I FILM
CON LA CINEGUSTOLOGIA
________________________

SCOPRI
I PIATTI
CON LA CINEGUSTOLOGIA
________________________

SCOPRI
I VINI
CON LA CINEGUSTOLOGIA
________________________

RACCONTA
LA TUA CINEGUSTOLOGIA

_________________________


Le vostre recensioni

Amore e altri rimedi
di Edward Zwick, con Jake Gyllenhaall e Anne Hathaway
uscita in Italia: 18 febbraio 2011


Avete presente quello “stare bene” che si prova bevendo una cioccolata fumante al gusto fondente, magari adornata da uno sbuffo di panna fredda? Il calore, il sapore del dolce che si scioglie in bocca, quella sensazione gradevole che ritempra il palato ma che, in fondo, solo in fondo, lascia come retrogusto un po’ di amaro, a causa del cacao puro utilizzato nella miscela... beh, “Love & other Drugs”, grossolanamente tradotto “Amori e altri rimedi” (come se ci fosse un rimedio all’amore!), lascia lo stesso tipo di sensazione.
Jamie Randal (Jake Gyllenhaal), abile venditore di Viagra, ma anche di sé stesso, incanta e ammalia giovani fanciulle e dottori, ma nulla può a Maggie Murdock (Anne Hathaway), ventiseienne al primo stadio del Parkinson. La loro relazione, fra alti e bassi, fra pregiudizi e stereotipi infranti, è la prova di come l’amore possa essere dolce, anche per chi non ha mai pensato di potersi innamorare, e amaro al tempo stesso, a causa delle difficoltà e delle scelte che la vita ti pone davanti.
Proprio per tale motivo questa commedia sentimentale è esattamente come la cioccolata: la bevi anche se sai che poi ti farà male, soprattutto sulla bilancia, e ne vuoi sempre di più per eliminare l’amaro che ti resta in bocca. Inoltre è esilarante perché, come la cioccolata favorisce la produzione di endorfine, le battute presenti nel film, a doppio senso o esplicite, guidano lo spettatore lungo la storia, aiutandolo a sdrammatizzare le situazioni difficili.
E la panna in tutto questo? Per i maschietti è vedere Anne Hathaway senza veli, mentre per il gentil sesso è poter visivamente constatare, a intervalli regolari, la tonicità del fisico scultoreo di Jake Gyllenhaal, anche se – purtroppo, a differenza della collega – le sue capacità attoriali si limitano talvolta alla sua prestanza fisica.

Eva



Grazie, Eva! Nella cioccolata con panna che descrivi mi ci tufferei, ma… non è solo perché la paragoni ad Anne Hathaway? ;-)

Marco


Potiche